Progetto internazionale di reintroduzione del Gipeto sulle Alpi

Progetti di ricerca scientifica - in corso

monitoraggio avifaunagipeto

Rete Osservatori Alpi Occidentali (raccolta, monitoraggio e sensibilizzazione sul progetto di reintroduzione del Gipeto sull'arco alpino occidentale)

Nell'ambito del progetto di reintroduzione del Gipeto, che ha avuto avvio con i primi rilasci nel 1986 presso gli Alti Tauri del Salisburghese (Austria) ed è proseguito nel 1993 con l'attivazione del sito di rilascio nel Parco delle Alpi Marittime (CN), l'Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie ha aderito alla Rete Osservatori Alpi Occidentali (ROAO), fin dalla sua costituzione nel 1997, occupandosi di divulgare le notizie sul progetto e di raccogliere dati e segnalazioni sull'osservazioni dei gipeti in dispersione territoriale nelle vallate delle Alpi Cozie.

Il monitoraggio di un grande veleggiatore come il gipeto ha bisogno di una rete informativa di dimensione alpina che richiede la collaborazione di tutti i frequentatori della montagna. I giovani gipeti rilasciati sono provvisti di marcature alari (decolorazioni bianche delle penne delle ali) e anelli colorati alle zampe; per questo motivo sono molto utili per l'esatta identificazione dei singoli individui fotografie e video.

Chiunque avvisti un gipeto e vuole collaborare con questo progetto, può contattarci attraverso l'invio dell'apposita scheda e/o mail agli indirizzi sotto indicati.
 

Dal 2018 L'Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie aderisce all'IBM International Bearded Vulture Monitoring (gestito dal 2014 dalla VCF Vulture Conservation Foundation) che si occupa della gestione dei dati raccolti sulle osservazioni dei gipeti.

Referente

Per l'alta Val Susa:
Giuseppe Roux Poignant (Parco Gran Bosco di Salbertrand) - rouxpoignant@alpicozie.eu
Per la bassa Val Susa:
Giuseppe Ferrero (Parco Orsiera - Rocciavrè) - ferrero@alpicozie.eu
Per l'alta Val Chisone-Val Germanasca:
Silvia Alberti (Parco Val Troncea) - alberti@alpicozie.eu
 

Collaborazioni

Il progetto ha rilevanza e collaborazioni internazionali con la coordinazione della Vulture Conservation Foundation (VCF). La R.O.A.O. comprende i principali Parchi regionali alpini piemontesi e valdostani, la Regione Autonoma Valle d'Aosta, i Parchi Nazionali Gran Paradiso e Val Grande, il Parco Nazionale dello Stelvio, il Corpo Forestale dello Stato, il Gruppo Piemontese Studi Ornitologici, il Gruppo Aquile e Avvoltoi delle Valli di Lanzo, la Comunità Montana Val Pellice, l'Associazione EBN Italia.

Durata del progetto

Il progetto è iniziato con la costituzione della Rete Osservatori Alpi Occidentali nel 1997 e proseguirà fino a quando i coordinatori della rete lo riterranno opportuno.

Rilevanza

Internazionale

Approfondimenti sul web

  1. http://www.parks.it/parco.alpi.marittime/gui_dettaglio.php?id_pubb=1090
  2. http://www.wild.uzh.ch/bg/sat/s_frame.php?bi=0&bg=0&ya=0&la=i&th=sat&st=1&su=0
  3. http://www.gyp-monitoring.com
  4. http://www.ebnitalia.it/Qb/QB016/gipeto.htm
  5. http://www.parcnational-vanoise.fr/connaitre-le-territoire/faune/79-gypaete-vanoise.html
  6. http://www.gipetostelvio.it/page10   
  7. http://www.uccellidaproteggere.it/Le-specie/Gli-uccelli-in-Italia/Le-specie-protette/GIPETO

Allegati