Prodotti tipici dei Parchi Alpi Cozie

Nel perseguire finalità di tutela e gestione degli ambienti naturali che costituiscono habitat necessari alla conservazione ed arricchimento della biodiversità, i Parchi delle Alpi Cozie sono impegnati nella valorizzazione delle attività agro-silvo-pastorali.

Ogni estate, centinaia di capi bovini e ovini monticano negli alpeggi e utilizzano i pascoli d'alta quota nel territorio del Parco del Gran Bosco di Salbertrand (Randuin, le Selle, Seu, Laune, Arguel e Assietta), del Parco Orsiera-Rocciavrè e del parco Val Troncea dove si producono burro e tome destinate alla stagionatura. Per proseguire l'attività di miglioramento, promozione e valorizzazione della di caseificazione negli alpeggi l'Ente ha promosso il marchio per i formaggi prodotti nelle aree protette gestite da questo Ente: Formaggio Tipico Parchi Alpi Cozie

L'Ente cura l'impianto dei contrassegni (carta per confezionamento, stampi, timbri a fuoco, etichette, ecc.) e quanto altro occorre per il confezionamento e la commercializzazione dei prodotti la cui produzione sia avvenuta all'interno del territorio delle Aree Protette di propria competenza o dei territori con esso strettamente connessi.

Il Plaisentif è l'antico "formaggio delle viole", prodotto dalla fine del '500 con il latte crudo delle mucche alimentate sui pascoli dell'Alta Val Chisone e Alta Val Susa, nel periodo di fioritura delle viole (giugno-luglio). La stagionatura del Plaisentif dura 80 giorni e può essere commercializzato solo alla terza domenica di settembre, in occasione della festa di "Poggio Oddone" a Perosa Argentina. Il Plaisentif si riconosce dalla lettera "P" e dal logo, riportante una violetta stilizzata, che viene marchiato a fuoco su una delle facce della forma.

- Il sentiero del Plaisentif

Da anni inoltre il Parco del Gran Bosco di Salbertrand è direttamente impegnato nella produzione biologica di Patate di Montagna. Le varietà coltivate nel cuore del Parco sono Agria (pasta e buccia gialla) e Desirée (pasta gialla e buccia rossa).

L'Ente è socio dell'Associazione Produttori patate di montagna della Provincia ed i pregiati tuberi sono inseriti tra i prodotti del Paniere della Provincia di Torino, marchio creato per accogliere tutti i prodotti agroalimentari ed agricoli del territorio provinciale, che appartengono alla tradizione storica locale, sono prodotti con materie prime locali in modo artigianale e costituiscono una potenzialità per lo sviluppo locale.

La coltivazione delle patate ad alta quota garantisce prodotti di assoluta qualità e di buona pezzatura e, quel che è più importante, senza alcun trattamento di prevenzione o cura fitosanitaria.
L'altezza e l'esposizione dei campi, abbinata alle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, impediscono infatti il proliferare di qualsiasi forma di infezione o attacco di altre patologie dannose; la rotazione biennale dei campi, garantisce infine la ricchezza di sali minerali nel terreno e non richiede l'apporto di concimi organici ne' chimici. Tutto ciò unito al fatto che i siti prescelti per la coltura siano all'interno di un'area protetta e oggetto di costante monitoraggio ambientale, è garanzia di assoluta qualità che aggiunge un ulteriore plusvalore alla già apprezzabile caratteristica di potersi fregiare del marchio di "patata di montagna".