ultimo aggiornamento: 16/08/2023

Picchio nero

avifaunabiodiversità

Il picchio nero,  Dryocopus martius, è il più grande picchio europeo (lunghezza 45-47 cm, apertura alare 64-68 cm).

Il piumaggio nero è interrotto esclusivamente da una macchia rossa sul capo, limitata alla nuca nella femmina, più estesa nel maschio. l'occhio è giallo nell'adulto e azzurro nel giovane. Come gli altri picchi possiede piedi zigodattili (due dita rivolte in avanti e due posteriori) ed una coda rigida, che gli consentono di arrampicarsi agevolmente sui tronchi verticali.

È specie tipica di boschi maturi ad alto fusto dove si nutre di formiche e larve di coleotteri che vivono nel legno dei grandi alberi morti o senescenti. Un tempo molto raro, oggi è diffuso nei boschi di latifoglie e conifere, tra il piano montano e il limite superiore della vegetazione arborea. Le cavità scavate per nidificare offrono accoglienza a numerose altre specie animali tra cui rapaci notturni come la civetta capogrosso.

Il suo verso inconfondibile, un kiu kiu, intercalato da kru kru kru quando è in volo, si sente spesso nei boschi tranquilli e silenziosi in cui ama vivere. È specie stanziale, non migratrice.

Il suo nome scientifico significa "colui che danneggia gli alberi" ma in realtà la sua presenza è garanzia di un’elevata biodiversità.

La specie è elencata in Allegato I della Direttiva Uccelli (79/409/CEE) ed è oggetto di tutela secondo l'Articolo 2 della Legge 157/92.

Il picchio nero è stato scelto come protagonista del poster realizzato nell'ambito del Progetto Life Wolfalps.eu dedicato ai Parchi Alpi Cozie.

Kiu kiu il picchio nero è la guida che accompagna i giovani guardiaparco - young ranger alla scoperta delle aree protette delle Alpi Cozie: 4 parchi naturale, 2 riserve, 16 Zone Speciali di Conservazione che ospitano habitat e specie di interesse europeo per un totale di 35.00 ettari di natura protetta (come 50.000 campi da calcio!).

 

Vai alla galleria

Potrebbe interessarti anche...