last update: 22/01/2020

Patrocinio e uso logo

L'uso del logo è subordinato esclusivamente al patrocinio dell'Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie, che viene concesso a cittadini privati o associazioni per congressi, manifestazioni culturali, sociali, sportive, iniziative varie. Ogni altro uso è improprio.

Per l'utilizzo del logo, è necessario formulare una richiesta via e-mail contenente i dati del soggetto che vuole utilizzare il logo, l'iniziativa di riferimento e la destinazione del logo.

Il logo rappresentante l'Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie è stato adottato dal Consiglio Direttivo dell'Ente il 9 maggio 2016 e con deliberazione n.7 del 5 febbraio 2018 è stata approvata la contrazione della denominazione dell’Ente da “Ente di gestione delle aree protette delle Alpi Cozie” a “Aree Protette Alpi Cozie”, da usare per patrocini e materiali di comunicazione.

L'Ente è gestore di numerosi siti Rete Natura 2000 e partecipa a progetti europei Life: quanto opportuno, il materiale di comunicazione contiene i relativi loghi, scaricabili qui.

Formati scaricabili:

Versione Positivo

Versione Negativo

Per ulteriori formati: BW, Grayscale, Versioni CMYK , Versione Aree Protette Alpi Cozie senza sistema Piemonte Parchi Regione Piemonte (orizzontale o verticale) scivere a nadiafaure@alpicozie.eu

Come previsto dallo statuto, il nuovo simbolo garantisce unitarietà di immagine e di comunicazione istituzionale.

Il logo rappresenta l'Ente nella sua totalità, l'accorpamento di realtà differenti (Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand, Parco naturale Val Troncea, Parco naturale Orsiera-Rocciavrè, Parco naturale Laghi di Avigliana e Orridi di Chianocco e Foresto, SIC ed infine dell'ecomuseo Colombano Romean).

Esso è frutto della collaborazione con l'Istituto di Scuola Superiore "Luigi Des Ambrois" di Oulx e con il grande artista ed editore torinese, Ezio Gribaudo ed è il risultato di un concorso che ha valutato più di 70 bozzetti.

Il vincitore è stato lo studente Luca Rubella con un'idea considerata "la giusta sintesi di visibilità e modernità".

Il logo finale aggiunge, alla proposta iniziale dello studente Luca Rubella, un tassello dell'opera “Geographie presente” (1991) di Ezio Gribaudo, visibile nella parte bianca centrale.

You may also be interested in ...