Ontaneto

Foto Ontano verdeL'Ontano verde (Alnus viridis) forma densi boschetti (Alneti) negli impluvi e sulle pendici dove la falda scorre poco profonda e il suolo è molto umido.
Spesso vi sono zone con affioramento e scorrimento superficiale di acqua.

Come per il Rododendro, l'area di diffusione dell'Ontano può essere messa in relazione a quella del Larice e dell'Abete rosso; l'Alneto tuttavia non si evolve in bosco ma lo affianca e lo sostituisce dove l'eccessiva umidità del suolo impedisce lo sviluppo delle conifere arboree.

L'Ontano verde si sviluppa su suoli profondi e ricchi; esso stesso contribuisce notevolmente all'aumento della fertilità del suolo attraverso un processo di fissazione dell'azoto atmosferico.

Questo ha luogo nelle radici della pianta ove vivono, ospitati in appositi tubercoli, microorganismi azotofissatori (Attinomiceti) che mineralizzano l'azoto gassoso e lo cedono alla pianta ospite e all'ambiente circostante.

Il suolo ospita una particolare flora erbacea i cui componenti vengono spesso indicati col nome di megaforbie o "alte erbe nitrofile".

Si tratta di specie molto esigenti e di grande taglia che, essendo in grado di vivere nei terreni impregnati di acqua, non incontrano altro fattore limitante lo sviluppo se non la luce. Producono dunque fusti e foglie di grandi dimensioni, piuttosto teneri, che si reggono soprattutto grazie al turgore dei tessuti ricchi di acqua: un tipico esempio è il Cavolaccio alpino (Adenostyles alliariae).

Foto Anemone epaticaAltre alte erbe di dimensioni meno vistose sono gli Aconiti (Aconitum napellus, Aconitum vulparia), l'Erba renna (Peucedanum ostruthium), i Romici (Rumex sp.), la Gentiana di Villars (Gentiana villarsi), il Geranio selvatico (Geranium sylvaticum).

Sotto di queste si sviluppano piante di dimensioni minori quali la Viola biflora, la Saxifrgaga rotundifolia e l'Hepatica nobilis.