Formica rufa

Foto nido formica rufaPercorrendo i sentieri del Parco, attraverso le formazioni boschive di conifere, è possibile osservare grossi cumuli [foto] di aghi e detriti vegetali che costituiscono i nidi di formiche particolarmente interessanti nel campo della lotta biologica.
Sull'arco alpino italiano sono presente quattro specie di questi Imenotteri, molto simili dal punto di vista ecologico e morfologico, che vengono indicate come formiche del gruppo Formica rufa.
Queste formiche presentano una complessa vita sociale. La parte più cospicua della popolazione è rappresentata dalle operaie che svolgono diversi compiti: procurare il cibo, effettuare la manutenzione del nido e difenderlo dagli aggressori, accudire le uova e le larve, nutrire le regine.
Le regine sono femmine fertili e inizialmente provviste di ali. Terminato il loro sviluppo abbandonano il nido e vengono inseminate dai maschi durante il "volo nuziale". Questi ultimi, dopo l'accoppiamento, hanno una vita molto breve, mentre le regine si portano a terra per fondare un nuovo nido o in un nido già esistente. Strappatesi le ali iniziano subito a deporre le uova dalle quali schiuderanno in prevalenza operaie.
Foto formica rufaLa differenziazione nelle tre caste (operaie, maschi, regine) è controllata da vari fattori, fra cui la temperatura alla quale vengono deposte le uova, il tipo di nutrizione larvale, la quantità di operaie presenti nel nido, la presenza o meno di regine.
I nidi della Formica rufa possono raggiungere le dimensioni di un metro di diametro alla base per un metro di altezza, con una popolazione di 500.000 - 1.000.000 di individui. La parte emergente viene detta acervo e viene utilizzato quando le condizini climatiche sono più favorevoli, mentre le parti più profonde della struttura sono abitate durante l'inverno.
L'importanza di queste formiche nel mantenimento degli equilibri ecosistemici è legata alla straordinaria quantità di Insetti e Artropodi che vengono catturati per il fabbisogno alimentare del formicaio (decine di migliaia al giorno). Sia in Italia che all'estero sono stati effettuati positivamente dei trapianti di formicai in zone infestate da insetti nocivi, dimostrandone così l'efficacia anche nel campo della lotta biologica.