Faggeta

Foto faggetaIl Faggio (Fagus sylvatica) è una latifoglia a foglie caduche che può raggiungere dimensioni notevoli; la sua corteccia è grigia, liscia e compatta; le foglie sono ellittiche, con margine crenato e caratteristico aspetto lucido.

Il Faggio è una pianta esigente, che non sopporta carenze o eccessi termici, idrici e luminosi; non tollera gli sbalzi di temperatura e richiede una costante, ma non eccessiva, disponibilità di acqua, nonché terreni freschi e profondi.
La Faggeta cresce dove si trovano queste condizioni, di solito dai 900 ai 1500 metri di quota, scendendo più in basso solo dove il ristagno della nebbia assicura una sufficiente umidità; ci possono essere boschi "puri", cioè composti da soli Faggi, oppure "misto", ossia inframmezzato da un numero elevato di altre specie di alberi, specialmente Abete bianco o Larice.
Foto maggiociondolo
All'interno della faggeta si incontrano a volte delle macchie di piante pioniere come Betulla (Betula pendula), Pioppo tremolo (Populus tremula), Nocciolo (Corylus avellana) e Maggiociondolo (Laburnum alpinum), che colonizzano le aree disboscate.
Sul suolo ricoperto da uno spesso strato di humus e da foglie morte spuntano l'Acetosella (Oxalis acetosella), l'Hepatica nobilis, i Gerani (Geranium nodosum) e la Lattuga montana (Prenanthes purpurea). Molte erbe del sottobosco hanno una lamina fogliare tondeggiante o con una superficie pittosto ampia, tenuta parallela alla superficie del suolo per poter sfruttare al meglio la poca luce solare che filtra attraverso la fitta chioma dei Faggi.