immagine

Piemonte archeo-minerario

Ente Parchi Alpi Cozie

AIPSAMArcheologia

Pubblicato il terzo volume della collana ArcheoAlpMed – Archeologia delle Alpi e del Mediterraneo tardoantico e medievale: Piemonte archeo-minerario - Miniere e opifici da risorsa strategica a patrimonio storico-ambientale, a cura di Paolo De Vingo.

La monografia raccoglie studi storici, archeologici e geologici sulla produttività metallurgica preindustriale di quattro valli piemontesi: Val Grana, Val di Susa, Valli di Lanzo, Val Sessera. Il capitolo dedicato alla Valle di Susa approfondisce le conoscenze sulla cava arcaica e postmedievale di pietra ollare (cloritoscisto) di Cormeano a Condove con alcuni riferimenti alla miniera medievale del Rugèt di Gravere.

Patrocinata dall'Unione montana Valle Susa, è stata realizzata in sinergia con il Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università degli Studi di Torino e AIPSAM - Il Patrimonio Storico Ambientale, associazione culturale che ha recentemente condotto il Programma di ricerca e valorizzazione del patrimonio storico-ambientale di Gravere dedicato alla miniera di galena del Rùget e che collabora su diversi fronti con l'Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie.