immagine
Pinerolo, 12 giugno 2018

Un territorio accogliente: accessibile e fruibile a tutti

Ente Parchi Alpi Cozie

joelettegal escarton e valli valdesi

Il 12 giugno 2018 a Pinerolo, nella sala conferenze "Dario Debernardi", presso la Fondazione “Casa dell’Anziano”, si è svolto il convegno “Un territorio accogliente: accessibile e fruibile a tutti”, organizzato dal  GAL Escartons e Valli Valdesi in collaborazione con la Consulta per le Persone in Difficoltà onlus (C.P.D.) e con il supporto del Centro Servizi per il Volontariato – Vol.TO.

Manuela Juvenal, tecnico dell'Ente Parco ha curato insieme a Gianni Capitani e Manuela Ressent – educatori del Centro Socio Terapico di Perosa Argentina - un intervento dedicato al progetto “Sentieri accessibili a tutti: una mappatura ragionata”.

Il Centro Socio Terapico di Perosa Argentina con l'Ente di gestione delle aree protette Alpi Cozie Parco da alcuni anni collaborano per individuare percorsi fruibili da varie tipologie di utenza, tra cui gli ospiti del CST Perosa.

Il CTS è un servizio diurno con obiettivi di inclusione sociale per persone con disabilità intellettive, fisiche e sensoriali per l'offerta di risposte ai bisogni educatvi e assistenziali. E' gestito dall'Unione Montana dei Comuni Valli Chisone e Germanasca con parte del personale della Cooperatva Sociale a ua Valadda s.c.s e propone attività diversificate, adeguate a soddisfare esigenze individuali, fra cui il gruppo montagna. Risalgono agli anni 90 le prime uscite in montagna con una Guida Alpina. Nel 2001 nasce la collaborazione con i volontari e nasce la “Patuglia acrobatica” formata da un numero fisso di 4 ospiti, accompagnati da operatori e volontari, che si cimenta in gite estve e invernali. Nel 2013 apre al tema della Montagnaterapia. Nel tempo la collaborazione si rafforza e la rete di progetto complende i Comuni di Fenestrelle, Usseaux, Pragelato e Sestriere, l'Ente Aree Protette Alpi Cozie, Pracatnat, Associazione Passi Liberi, Soccorso Alpino locale, Sezioni CAI Val Germanasca e Pinasca.

Il gruppo montagna che dà continuità all'andare in montagna definisce così le sensazioni e i benefici delle escursioni: “L'attività svolta apre il cuore e la mente …e anche lo stomaco – viene subito appetto. La montagna attira, seduce, accresce l'autostima, il benessere e i pensieri positvi, porta un "sano" appettito e il ritorno è con canti, battute e complicità".

Per la buona riuscita delle escursioni è necessaria una mappatura ragionata dei percorsi, l'esperienza e la stretta sinergia col territorio hanno portato alla mappatura ragionata di molti itinerari. Sono già sperimentati 27 itinerari schedati e raccontati nel blog itinerariepercorsi.blogspot.

Alcuni degli itinerari mappati e sperimentati sono all'interno delle Aree Protette delle Alpi Cozie, eccoli:
nel Parco naturale Orsiera Rocciavrè:

nel Parco naturale Val Troncea

L'Ente Aree Protette Alpi Cozie supporta inoltre tutto il progetto del CTS mettendo a disposizione la propria joelette, acquistata dal Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand nel 2010, grazie al contributo del Rotary Club Valsusa. La joelette è una speciale carrozzella da fuori-strada, che consente anche alle persone diversamente abili, cui la montagna dal vivo è normalmente preclusa, di partecipare alle escursioni. E' una carrozzella a una sola ruota, con sospensione e freno, tenuta da due accompagnatori mediante appositi bracci davanti e dietro. Può andare su tutti i sentieri, anche scoscesi e inclinati, e, come ben si sa, la fruizione turistica di un ambiente montano può presentare delle difficoltà, soprattutto per le persone affette da disabilità fisica.

Ringraziamo il GAL EVV per l'opportunità creata per presentare questo progetto all'interno del convegno e rimandiamo alla loro News per ulteriori informazioni.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche...