immagine
Photo credit Ecovolontari Comune di Avigliana

Ecovolontari in azione sul Lago Piccolo di Avigliana

Laghi di Avigliana

ecovolontaricomune di Aviglianainquinamentoparco naturale laghi di avigliana

Ringraziamo gli Ecovolontari di Avigliana che, su richiesta dell'Ente Parco, dopo il foehn dei giorni a ridosso del Natale, sabato 13 gennaio si son dati appuntamento nel Parco naturale dei laghi di Avigliana per una giornata di pulizia. Grandi quantità di rifiuti abbandonati nella zona industriale di Avigliana e nelle aree limitrofe al Parco, a causa del forte vento, erano stati trasportati sulle rive del Lago Piccolo, nei parcheggi, lungo la pista ciclabile che porta al Lago Grande, nei boschi di Baia Grande, nella Palude dei Mareschi e sulle pendici di Monte Capretto.

Sono state raccolte decine di chili di rifiuti vari, riempiendo 3 volte il cassone del pick-up della Protezione Civile, sostiene l’assessore all’Ambiente del Comune di Avigliana Stefano Ditella. I volontari hanno ripulito in particolare la zona del Lago Piccolo prospiciente alla Zanzara e la zona di ingresso nel Parco da viale dei Mareschi, dove la situazione si presentava davvero problematica. Nonostante ciò, in grande numero e con sforzi non banali si è riusciti a recuperare diverse coperture dei capannoni (alcune delle quali in lamiera), enormi quantità di lana di vetro sparsa nella vegetazione, componenti varie in plastica, cartoni e altri rifiuti di vario genere.

Il vento ha sicuramente contribuito a peggiorare la situazione, ma alla base del grave problema stanno le cattive abitudini delle persone.

Chi abbandona i rifiuti, danneggia gli ecosistemi e l’intera collettività. Non solo rende sporco e poco accogliente il territorio, ma inquina il suolo, l'acqua e l'aria anche per le future generazioni.

Ricordiamo che l'abbandono di rifiuti su suolo pubblico è un reato punito dalla legge.

Piccoli gesti, oltre a segno di civiltà, possono rendere migliore l'ambiente in cui viviamo. Grazie alla raccolta differenziata è possibile riutilizzare i materiali riducendo lo sfruttamento di risorse naturali ed energia e limitando i costi e gli effetti negativi dell'inquinamento. I rifiuti ingombranti invece possono essere ritirati gratuitamente a domicilio contattando il numero verde di riferimento.

A parte la buona volontà dei volontari, la rimozione e lo smaltimento dei rifiuti abbandonati a carico delle aziende specializzate, rappresenta un costo aggiuntivo che, per legge dello stato, è a spese dei contribuenti. I costi saranno infatti caricati sulla tassa dei rifiuti dell'anno successivo e a pagare saranno i cittadini rispettosi delle regole.

Mancano ancora i sentieri da ripulire e gli alberi caduti da rimuovere, ma una buona parte dei danni fatti dal vento è stata rimediata! Ricordano gli Ecovolontari.

Potrebbe interessarti anche...