immagine
Alberto Dotta (foto R. Casse archivio Ecomuseo C.Romean)

Cordoglio per Alberto Dotta

Ecomuseo Colombano Romean Ente Parchi Alpi Cozie

Alberto DottaConsorzio forestale Alta Valle Susa

Arrivederci Alberto, ci mancherai davvero tantissimo. Grazie per esserci stato, grazie per le tue tante lezioni e sappi che è certo che sei sempre stato passione e azione.

Ti ritroveremo nelle pagine dei Cahier, ti ritroveremo nei Boschi dell’Alta Valle e del Piemonte, ti ritroveremo ogni 25 aprile durante la celebrazione della Liberazione, ti ritroveremo nelle note di strada durante le Feste grandi di Oulx, Exilles e Bardonecchia, ti ritroveremo nei risultati dei progetti vincenti che hai coordinato e gestito. Quando apriremo l’archivio fotografico comparirai in molte immagini perché eri presenza e forza.

La tua improvvisa scomparsa lascia tutta l'Alta Valle Susa frastornata e incredula. Eri una persona dalle mille risorse e competenze, capace, sempre preparata e reattiva, disponibile e diplomatica, simpatica e soprattutto amica. Eri Direttore del Consorzio Forestale Alta Valle Susa, Presidente dell’ANPI sezione Chiomonte Alta Valle Susa, Presidente dell’associazione culturale Lat’Art di Oulx, Protagonista dell’associazione Parenaperde, gruppo di musica tradizionale dell’Alta Valle della Dora Riparia, Collaboratore dell’associazione ArTeMuDa e Testimone culturale dell’Ecomuseo Colombano Romean.

Telefonate, riunioni, lettere, sopralluoghi, relazioni, progetti e tante altre quotidianità legate alla gestione e la manutenzione del territorio erano condivise con Te. Anche le emergenze della nostra Montagna, quelle che impegnano giorno e notte, poggiavano sulle tue spalle. Un punto di riferimento, un Dirigente del territorio a cui l’Ente di gestione delle Aree protette delle Alpi Cozie si è sempre rivolto, trovando massima collaborazione, per gestire importanti progetti di investimento, di manutenzione e di sviluppo turistico-culturale.

Esattamente dieci anni fa nel presentare il Cahier dell’Ecomuseo Colombano Romean n.18 intitolato “Comunità e gestione dei boschi nelle Valli di Oulx e Pragelato. Dalla Grande Charte al Consorzio Forestale Alta Valle Susa attraverso il Trattato di Utrecht” che hai curato insieme a Renato Sibille ci hai scritto: “L’occasione del sessantesimo anniversario del Consorzio Forestale ha permesso di riflettere sull’essenza della gestione del territorio, la sua evoluzione nei secoli e approfondire allo stesso tempo l’intimo rapporto tra le attese dei cittadini e le risorse naturali mediate dalla molteplice ed eterogenea natura delle Alpi. Sulle Alpi la dinamica del territorio, del paesaggio e delle foreste coincide con la storia e presenza dell’uomo. L’eredità ricevuta è grande come grande è la responsabilità, verso le generazioni future, nel mantenere in efficienza un bene, il territorio e le foreste, di uso pubblico e di enorme valore per le comunità dell’Alta Valle Susa. Vorremmo essere stati in grado di comunicare la passione per il nostro lavoro che ha attraversato e caratterizzato la vita del Consorzio Forestale e le difficoltà nel divulgarlo”.

Nel salutarti, caro Alberto, ti ringraziamo e ti diamo certezza di essere sempre stato passione e azione per il Territorio, per la sua Storia, Memoria e Cultura e sarai ancora esempio e riferimento per tanti.

Gli amministratori, il personale e i collaboratori delle Aree protette delle Alpi Cozie esprimono alla famiglia, ai colleghi e agli amici le più sentite e profonde condoglianze.

Alcune immagini di Alberto Dotta con la sua musica durante gli appuntamenti all'Ecomuseo Colombano Romean di Salbertrand