La scuola e i giochi dei nonni

Nel 1700 il livello d'istruzione delle alte vallate era molto superiore a quello delle zone di fondo valle e di pianura. I maestri venivano pagati dalle Comunità per istruire i giovani durante l'inverno. Così li descrive Victor Hugo nel suo romanzo I Miserabili: "Questi maestri di montagna si recano alle fiere ed io li ho veduti.
Si riconoscono dalle penne da scrivere nel nastro del cappello. Quelli che insegnano soltanto a leggere hanno una penna, quelli che insegnano la lettura e il calcolo ne hanno due e quelli che insegnano la lettura, il calcolo ed il latino, tre..."
Nella piccola aula allestita presso l'Ecomuseo Colombano Romean, i moderni alunni potranno trovare vecchi banchi in legno, penne, pennini e calamai, cartelle e portapenne in legno, libri e quaderni d'epoca, la piccola stufa alimentata con la legna portata da casa dai bambini e rivivere le atmosfere della scuola di un tempo cimentandosi in prove di "Bella Calligrafia" e lavoretti manuali.

Lo spazio dedicato ai giochi del passato fornirà gli spunti per l'uscita all'interno del Parco del Gran Bosco alla ricerca di materiali naturali (pigne, legni, sassi, noci, bacche...) per costruire e divertirsi con i giochi dei nonni...

PERIODO: autunno e primavera
SCUOLE: infanzia, elementari, medie
DURATA: intera giornata
COSTI: € 120,00 per gruppi - classe fino a 25 persone
MEZZO DI TRASPORTO CONSIGLIATO: treno
ABBIGLIAMENTO: pantaloni lunghi, scarponcini da montagna, zainetto con pranzo al sacco e borraccia